Stampa
Visite: 417

la palaVenerdì 26 marzo a mezzogiorno il giardino intitolato alla nostra alunna Giulia Fabbri si arricchirà di una presenza significativa: un melo, in ricordo dell’attentato che il 19.02.2020 uccise ad Hanau (Francoforte) nove persone di origine turca. Il melo, in foglie e legno, nasce dallo scambio virtuale che il gruppo di tedesco della classe 3 A e B del nostro liceo, con la docente Scilla Corrao, ha avviato con il liceo HoLa di Hanau: gli studenti si sono conosciuti, hanno lavorato sul tema del loro scambio, il cibo, finché a fine gennaio ai nostri ragazzi è stato chiesto se volevano esprimere la loro solidarietà per la commemorazione del terribile fatto avvenuto nella città dei loro compagni tedeschi.

            Da qui è nato un video youtube QUI che ha commosso così fortemente i corrispondenti tedeschi da essere inserito nella giornata della commemorazione.

Ad Hanau, in ogni scuola, a testimonianza e a ricordo del fatto, è stato piantato un melo con intorno una panchina circolare dove potersi sedere e parlare e, nello spirito di vicinanza che si è creato tra i due gruppi di alunni, e anche noi avremo il nostro melo e il nostro angolo di riflessione.

L'intento è quello di favorire la memoria di quello che è successo ad Hanau il 19 febbraio 2020 affinché tali atti di odio e di razzismo non accadano mai più.

Il Sindaco della città tedesca è rimasto colpito così dalla nostra partecipazione che ha fatto incidere il nostro nome sulla pala che, da liceo a liceo, è stata usata per mettere a dimora le piante.

videoconferenzaIl giorno della cerimonia i nostri alunni declameranno in tedesco, italiano, inglese, arabo, francese e spagnolo le strofe più significative della poesia #hanaustehtzusammen   di Dominique Macri, esponente della poetry slam, contro il razzismo, a favore dell'inclusione e a ricordo di queste giovani vite. 

Un albero bello e semplice come il melo ricorderà a tutti noi che la violenza e il razzismo colpiscono ognuno di noi, dovunque accadano, e che essere cittadini europei vuol dire conoscersi, comunicare e condividere nonostante il difficile periodo che stiamo attraversando.